Rendita o capitale?

Quando ormai manca poco al pensionamento, i dipendenti non possono evitare di porsi questa domanda. Spesso, infatti, gran parte del nostro patrimonio è collocato nella cassa pensione. Lo stesso vale per il signor Heiri Bucher e sua moglie Maria. Entrambi sono assicurati presso la Cassa pensione GastroSocial e, poiché si tratta di una decisione importante da prendere, vogliono rifletterci bene e con calma. In quanto irrevocabile, può infatti avere gravi conseguenze sul loro futuro finanziario. Già ora, all’età di 50 anni, stanno quindi pensando se percepire il loro avere della cassa pensione risparmiato sotto forma di rendita o di capitale versato in un’unica soluzione.

Vecchia coppia felice seduta tranquillamente e ridendo in un prato

Non vi sono decisioni «giuste» o «sbagliate»

Ambedue le varianti – uguale se rendita o capitale – comportano vantaggi e svantaggi. Nella fattispecie, è fondamentale soprattutto la situazione individuale. Qui di seguito gli aspetti che i coniugi Bucher dovrebbero valutare al momento della loro scelta:

  • Condizioni di salute (buona salute/aspettativa di vita alta vs malattia/aspettativa di vita bassa)
  • Situazione patrimoniale (entrate e uscite, patrimonio e debiti)
  • Situazione familiare (questioni in materia di diritto successorio, età dei figli e del/della coniuge, condizioni d’abitazione)
  • Conseguenze fiscali
  • Propensione individuale al rischio

Rendita o capitale a confronto

Riscossione della renditaPrelievo di capitale
Reddito
  • Versamento regolare
  • Rendita di vecchiaia vitalizia

  • Versamento irregolare
  • Redditi del patrimonio variabili (a seconda del rendimento degli investimenti)
  • Nessun reddito vitalizio garantito
Capitale in quanto responsabilità
  • Nessuna responsabilità per l’investimento del capitale
  • La cassa pensione decide in merito all’investimento
  • Il capitale può essere investito a piacimento
  • Rischio di investimento a proprio carico
Flessibilità
  • Rendita fissa mensile (pagata trimestralmente)
  • Consumo di capitale sistematico
  • Capitale liberamente disponibile
  • Consumo di capitale secondo le esigenze
Decesso
(ereditarietà ai superstiti
)
  • Rendita per il partner e i figli a carico
  • Il partner riceve in caso di decesso il 60% della rendita di vecchiaia
  • Gli eredi non hanno diritto al capitale residuo
  • Anticipi ereditari possibili
  • Il capitale residuo resta agli eredi
Imposte
  • Rendita imponibile al 100% come reddito (annualmente)
  • Imposizione unica al momento del prelievo di capitale a un’aliquota previdenziale
  • Rendimenti degli investimenti soggetti all’imposta

Il signor e la signora Bucher, ad esempio, vogliono andare sul sicuro e quindi non sono affatto amanti del rischio. Entrambi godono di ottima salute e possono sperare una lunga vita. Non hanno figli e pertanto le questioni in materia di diritto successorio non li riguardano da vicino. Per questi motivi la rendita versata mensilmente vita natural durante fa al caso loro, inoltre sono in grado di assumersi la conseguenza fiscale (imposizione annua anziché unica). Per contro, le persone sole optano spesso per il prelievo di capitale, in quanto possono ereditare il capitale al decesso di una terza persona.

Pensionamento presso la Cassa pensione GastroSocial

Qui di seguito le opzioni offerte dalla Cassa pensione GastroSocial ai coniugi Bucher al momento del pensionamento:

  • Pensionamento ordinario: a partire da 64 anni per Maria e da 65 anni per Heiri
  • Pensionamento anticipato: Heiri e Maria percepiscono la prestazione di vecchiaia fino a 5 anni prima del pensionamento ordinario
  • Pensionamento differito: al raggiungimento dell’età di pensionamento ordinaria Heiri e Maria desiderano continuare a lavorare (possibile fino a 70 anni al massimo)

Nel nostro opuscolo trovate informazioni dettagliate sui termini e sulle condizioni validi per ogni opzione.

Esempi di calcolo

Esempio di calcolo fittizio 1: rendita vs capitale

Il signor Bucher si è fatto calcolare entrambi gli scenari per essere meglio informato (senza considerare le imposte):

Heiri Bucher, 65 anni, attivo da 30 anni nel settore alberghiero e della ristorazione, aspettativa di vita fino a 83 anni

Es. riscossione della rendita
Avere di vecchiaia al pensionamentoCHF 350‘000.–
Aliquota di conversione (in %)6.8
Rendita annua vitaliziaCHF 23‘800.–
Totale fino al decesso* (83 anni)**CHF 428‘400.–

* In caso di decesso la vedova riceve anche una rendita per partner vitalizia pari a CHF 14’280.– all’anno.

** Qualora il signor Bucher vivesse più a lungo, continuerebbe a percepire la rendita.

Es. prelievo di capitale
Avere di vecchiaia al pensionamentoCHF 350‘000.–
Versamento a 65 anni*
CHF 350‘000.–

Capitale consumato a ca. 81 anni**

(rendita ipotetica CHF 23’800.– e provento da interessi 2%)

* In caso di decesso (dopo il prelievo di capitale in seguito al pensionamento) sua moglie non ha più diritto a una rendita per partner.

** Qualora il signor Bucher superasse gli 81 anni, incorrerebbe in difficoltà finanziarie.

Esempio di calcolo fittizio 2: pensionamento ordinario vs pensionamento anticipato

Anche la signora Bucher si è fatta calcolare entrambi gli scenari (senza considerare le imposte):

Maria Bucher, 59 anni, attiva da due anni nel settore alberghiero e della ristorazione

Es. pensionamento anticipato (59 anni)
Avere di vecchiaia al pensionamentoCHF 220‘000.–
Aliquota di conversione (in %)5.8
Rendita annua vitaliziaCHF 12‘760.–
Rendita mensile vitalizia (pagata trimestralmente)CHF 1‘063.–
Es. pensionamento ordinario (64 anni)
Avere di vecchiaia al pensionamentoCHF 250‘000.–
Aliquota di conversione (in %)6.8
Rendita annua vitaliziaCHF 17‘000.–
Rendita mensile vitalizia (pagata trimestralmente)
CHF 1‘417.–

In caso di pensionamento anticipato la signora Bucher rinuncerebbe quindi a CHF 4’248.– all’anno o CHF 354.– al mese e, a sua volta, vita natural durante.

La pianificazione precoce e la consulenza competente

  • Pianificate anzitempo, nel caso ideale a partire da 50 anni: analizzate la situazione e verificate accuratamente tutte le opzioni per non dover prendere decisioni avventate.
  • Avvaletevi della consulenza di un esperto che vi possa dare consigli su misura in base alla vostra situazione di vita e che conosca tutti gli effetti di natura giuridica e fiscale.