Invalidità

In una situazione di invalidità, per motivi di salute non siete più in grado di esercitare un’attività lucrativa oppure avete una capacità lavorativa parziale. Per assicurarvi comunque un minimo vitale, l’assicurazione per l’invalidità (1° pilastro) vi versa una rendita (o una rendita parziale) per provvedere alla vostra base esistenziale. Anche la cassa pensione (2° pilastro) vi eroga una rendita d’invalidità se soddisfate le condizioni previste.

Quando si riceve l’indennità giornaliera AI?

L’assicurazione per l’invalidità (AI) è retta dal principio della «priorità dell’integrazione sulla rendita», che significa che la capacità di guadagno delle persone assicurate deve essere ripristinata, migliorata o preservata per mezzo di provvedimenti d’integrazione.

Gli assicurati che frequentano corsi di riqualificazione e usufruiscono di provvedimenti d’integrazione ricevono il supporto dell’AI sotto forma di indennità giornaliere che assicurano il sostentamento nel periodo dell’integrazione.

L’indennità giornaliera viene versata al più presto all’inizio del mese successivo al diciottesimo compleanno.
Esempio: Se compite 18 anni il 5 giugno 2021, riceverete un’indennità giornaliera AI non prima del 1° luglio 2021.


(questo video è disponibile solo in tedesco)

Quando si ha diritto a una rendita d’invalidità?

1° pilastro

Il diritto a una rendita d’invalidità del 1° pilastro sussiste in seguito a incapacità al guadagno totale o parziale dovuta a una compromissione della salute fisica, mentale o psichica. Il danno alla salute è il risultato di un’infermità congenita, una malattia o un infortunio.

Prima di assegnare una rendita vengono vagliate tutte le possibilità (p.es. una riqualificazione) di reinserimento nel mercato del lavoro. Il versamento della rendita d’invalidità viene confermato solo quando tutte le opzioni sono state esaurite.

2° pilastro

Avete diritto alle prestazioni d’invalidità del 2° pilastro della Cassa pensione GastroSocial

  • se prima dell’età di pensionamento ordinaria siete invalidi ai sensi dell’AI nella misura di almeno il 40 % e
  • nel momento in cui è subentrata l’incapacità lavorativa la cui causa ha portato all’invalidità eravate assicurati presso la Cassa pensione GastroSocial.

Figli

Avete dei figli a cui spetterebbe una rendita per orfani a seguito del vostro decesso? In questo caso, loro hanno diritto, a titolo complementare, a una rendita per figli (1° pilastro) o a una rendita per figli del beneficiario di una rendita d’invalidità (2° pilastro).

Quale importo spetta in caso di invalidità?

1° pilastro

La rendita d’invalidità del 1° pilastro viene fissata e versata dalla cassa di compensazione.

Il calcolo si basa

  • sul numero di anni contributivi versati,
  • sul reddito medio annuo e
  • su eventuali accrediti per compiti assistenziali ed educativi.

2° pilastro

Per la rendita d’invalidità del 2° pilastro, consultate il vostro certificato di previdenza. La somma riportata alla voce «Prestazioni d’invalidità» indica la rendita d’invalidità annua massima (in caso di incapacità al guadagno del 100 %) per la quale siete assicurati a fronte di un rischio. La rendita varia a seconda del grado d’invalidità; in caso di invalidità parziale, p.es., riceverete prestazioni inferiori. L’ammontare della vostra rendita d’invalidità è definito nel piano di previdenza.

Richiedere una rendita d’invalidità

  1. Se desiderate richiedere le prestazioni dell’AI, contattate tempestivamente l’ufficio AI del vostro Cantone di domicilio (Panoramica degli uffici AI cantonali) per chiedere l’esame del diritto alle prestazioni d’invalidità.
  2. Se l’ufficio AI stabilisce l’esistenza di un’invalidità conferente il diritto a una rendita, trasmette la decisione alla cassa di compensazione competente (1° pilastro).
  3. La cassa di compensazione informa quindi la cassa pensione competente (2° pilastro) della decisione dell’ufficio AI.
  4. In seguito, la cassa pensione verifica il diritto alle prestazioni d’invalidità della cassa pensione.