Incapacità lavorativa

Avete dei collaboratori che non possono lavorare per malattia o infortunio? A seconda della durata dell’incapacità lavorativa si applicano norme diverse. Non dimenticate di considerare anche le differenze tra il 1° e il 2° pilastro.

Assicurazione per l’invalidità

1° pilastro

Notifica immediata all’AI

Siete pregati di comunicare tempestivamente all’ufficio AI competente i nominativi dei dipendenti che non sono in grado di svolgere un’attività lavorativa per lungo tempo. L’ufficio AI potrà dare avvio alle prime misure per seguirli ed eventualmente reinserirli nel mondo del lavoro.

Cassa pensione

2° pilastro

La vostra incapacità lavorativa dura fino a 3 mesi

In seguito al manifestarsi di un’incapacità lavorativa, il datore di lavoro e il lavoratore continuano a versare i contributi senza variarne l’importo per 3 mesi (cosiddetto termine di attesa). In questo caso è sufficiente che l’incapacità al lavoro sia indicata nella notifica dei salari.

La vostra incapacità lavorativa si protrae oltre i 3 mesi

Se i dipendenti non possono svolgere un’attività lavorativa per più di 3 mesi, verifichiamo se i contributi LPP danno diritto a un esonero contributivo del 50 % o del 100 %.

  • A tal fine compilate la sezione B della distinta salari per la notifica dei salari alla cassa pensione.
  • Per tutte le altre notifiche dei salari vi preghiamo di inserire un’indicazione (p.es. «incapacità lavorativa del 50 % dal 23 settembre 2021»).

Quali giustificativi vanno allegati?

In questo caso (incapacità lavorativa di più di 3 mesi) ci occorrono imperativamente i certificati medici o i conteggi dell’indennità giornaliera. Dalla documentazione devono risultare l’intera durata e il grado dell’incapacità lavorativa.

Quando inizia e quando termina l’esonero contributivo LPP?

Inizio dell’esonero contributivo

Dopo tre mesi di incapacità lavorativa ininterrotta, i dipendenti non sono più tenuti a versare contributi LPP.

È infatti la Cassa pensione GastroSocial a farsi carico dei contributi e a continuare a gestire il conto fino a quando il dipendente sarà nuovamente in grado di lavorare.

Termine dell’esonero contributivo

Se si verifica uno dei tre casi seguenti, i dipendenti devono pagare nuovamente i contributi LPP:

  • Le conseguenze della malattia o dell’infortunio si sono risolte e il dipendente è in grado di tornare al lavoro.
  • Il rapporto di lavoro si conclude.
  • Viene raggiunta l’età di pensionamento ordinaria (64 anni per le donne, 65 per gli uomini).

L’esonero contributivo è limitato in ogni caso a 720 giorni, incluso il termine di attesa di 3 mesi.

Win-win: Case Management

Specialisti indipendenti, cosiddetti case manager, assistono le persone infortunate, malate o con problemi psichici lungo la via che le riporta alla normale vita lavorativa. Questa offerta viene messa a disposizione in collaborazione con istituti indipendenti accuratamente selezionati e per gli assicurati è facoltativa e gratuita

Contattate i nostri specialisti: 062 837 71 71 oppure case-management@gastrosocial.ch